Al via la nuova stagione: Enrico Dell'Anna parla della preparazione atletica

Anche Oderzo ha finalmente scaldato i motori! Partita anche la nuova stagione con obiettivi sicuramente ambiziosi e tanta voglia di far bene.
In un campionato di altissimo livello la compagine di coach Teso proverà a conquistare un posto ai play-off, posto ampiamente alla portata di questo gruppo.
Altro obiettivo però in questa stagione è il raggiungimento delle finali di Coppa Italia, traguardo fortemente desiderato dalla dirigenza e che rappresenterebbe una pietra miliare storica per la società, che mai è riuscita a prendere parte alla kermesse.
Ad una settimana dallinizio della preparazione abbiamo quindi incontrato Enrico DellAnna, preparatore atletico della COE, che ci ha dato la sua opinione sui temi più caldi del pre-stagione opitergino.

1_ Ciao Enrico, anche quest’anno ti troviamo nel ruolo di preparatore atletico della nostra serie C Gold, come hai trovato la squadra in questi primi giorni di preparazione?

Ciao a tutti, la cosa che mi è sembrata evidente è stata la professionalità e la serietà che tutti i ragazzi, nuovi e vecchi, hanno subito dimostrato in campo e fuori. Avevo consegnato ai giocatori un programma di pre-preparazione per arrivare al raduno con un discreto livello di condizione e tutti, nonostante il lavoro estivo o le ferie, si sono allenati. Bravi veramente.

2_ Come hai deciso di impostare i carichi di lavoro in questa fase di pre-stagione?

Ci siamo ritrovati martedì 18 e abbiamo effettuato il rilevamento delle misure antropometriche degli atleti, mentre il giorno successivo abbiamo svolto dei test per valutare il loro stato di forma iniziale che, come detto, era già discreto. Per la prima settimana abbiamo svolto la prima fase di preparazione, definita generale, al campo di atletica, mentre successivamente ci trasferiremo definitivamente al Palasport, dove inizieremo a svolgere dela lavoro di condizionamento più specifico per la pallacanestro.

3_ La squadra è stata cambiata di molto rispetto a quella con cui hai lavorato la scorsa stagione, valore aggiunto o nuovamente tutto da rifare?

E' normale che, aggiungendo 4 nuovi giocatori (Crestani, Palombita, Causin e Frusi) di cui 3 potenzialmente da quintetto titolare, il lavoro di amalgama sarà importante anche quest'anno. La cosa però non ci spaventa per nulla, primo perchè si tratta di ottime persone che si sono calati da subito nella nuova realtà e secondo perchè anche l'anno scorso avevamo inserito lo stesso numero di nuovi (Pozzebon, Bettin, Raminelli e Lorenzon) e abbiamo avuto buoni risultati fin dall'inizio di campionato.

4_ Non conosciamo ancora bene il programma di amichevoli precampionato di Oderzo, ma sappiamo tutti molto bene oramai che il 9 Settembre ci sarà un triangolare di prestigio con compagini di categorie superiori come Treviso e Trieste. Come pensi che arriverà la squadra a questo appuntamento?

Mentirei se ti dicessi che la squadra arriverà al triangolare in condizioni già ottimali. Stiamo seguendo un protocollo di lavoro con carichi comunque elevati, il nostro obiettivo è quello di riuscire ad arrivare all'inizio del campionato in buona forma, ma ci tengo a precisare che questo triangolare è un evento veramente storico per la nostra società, dato che non ho ricordi di un'amichevole tra le prime squadre di Treviso e Oderzo che, con le dovute proporzioni ovviamente e senza nulla togliere alle seppur ottime Conegliano, San Vendemiano e Montebelluna, sono le società cestistiche più blasonate della Marca Trevigiana. Un motivo di grande orgoglio per tutti noi.

5_ Quest’anno Oderzo punta in grande. Il tuo ruolo sarà quindi fondamentale in una stagione che si prospetta molto lunga e costellata di impegni. Come senti questa responsabilità?

Sicuramente è una responsabilità importante, ma è uno stimolo non da poco e per chi lavora nel nostro ambito avere degli obiettivi di prestigio è essenziale per essere ancora maggiormente motivati. Cercherò di fare del mio meglio per la squadra e per ripagare la società che ha riposto in me fiducia anche per questa stagione.

Chi ben comincia ...