CALORFLEX   grupposerafin

NEWS

DIREZIONE VERONA, OBIETTIVO VITTORIA

I biancorossi saranno impegnati nella città dell’Arena in un match insidioso ma nel quale l’unico obiettivo sarà la vittoria.

L’affermazione casalinga contro Padova ha confermato che sul parquet del PalaOpitergium Ibarra e compagni giocano con una marcia in più rispetto a quanto finora successo lontano dal Monticano.
Fluidità nel gioco offensivo e applicazione a gambe piegate risultano più naturali quando si tratta di giocare davanti al proprio pubblico, ma se si vuole continuare a stazionare in alto occorre sicuramente strappare il referto rosa anche in trasferta.
La mission a Verona sarà proprio questa, nonostante l’infermeria continui ad essere frequentata e la squadra di coach Bianchi sia un avversario ben più forte di quanto l’attuale classifichi dimostri, con la voglia di rifarsi dopo la sconfitta patita con Corno di Rosazzo.

Dodicesima in classifica, Verona ha 8 punti con uno score di 4 vinte e 8 perse, ha in panchina Davide “Dacio” Bianchi – ex tiratore mortifero della Stefanel Trieste – al suo primo anno come head coach alla guida di una formazione che ha in Giorgio Boscagin il suo giocatore maggiormente rappresentativo, arrivato nel mercato estivo e con un curriculum che parla da solo. Fino alla scorsa stagione capitano in A2 della Tezenis, è un’ala dallo spiccato talento offensivo, grande realizzatore che sta dando alla causa biancorossa 18 ppg .

Come guardia troviamo Elia Crestani, ex di giornata, 8 punti di media, giocatore che ricordiamo molto volentieri ad Oderzo, oltre che per le sue qualità tecniche anche e soprattutto per la sua grande determinazione che mette sul parquet.

Tra gli esterni, coach Bianchi si affida anche alle prestazioni di Gianmarco Pacione (10 ppg), ottimi fondamentali di palleggio, 1vs1 per andare al ferro e ottimo palleggio arresto tiro. Il secondo nome è quello di Leonardo Croce (9 ppg), abile nel tiro dalla distanza e nel palleggio arresto e tiro.

Avvicinandosi al pitturato, si incontrano due giocatori dalla grande esperienza anche in campionati superiori: il primo risponde al nome di Mario Soave, classe 1978, vero e proprio maestro nel gioco in post basso potendo colpire anche da diverse zone del campo. Il secondo è Manuel Zenegaglia, tanta sostanza sotto le plance, con buona mano dalla media distanza.

Filippo Fabbian è l’ala tuttofare che dà il cambio a Boscagin, pericoloso sia da 3 punti che nel gioco fronte e spalle al canestro, oltre ad assicurare rimbalzi grazie alla sua dinamicità.

Chiudono il roster i giovani Massimo Bovo, Alberto Elio e Ivan Filipozzi che ben stanno figurando in questa prima parte di campionato.

Si giocherà Domenica alle 18.00 al Centro Polifunzionale Don Calabria a Verona, arbitreranno Parisi di Padova e D’Avanzo di Albignasego.

#oderzobasket

X